Le Associate/Personaggi

Grenaches du Monde 2017: il dietro le quinte

19 Feb 2017
Grenaches du Monde 2017: il dietro le quinte

Grenaches du Monde 2017 è il Concorso Mondiale che quest’anno si è svolto ad Alghero (Sardegna) in Febbraio: in rappresentanza delle Donne del Vino c’era la sommelier Donatella Briosi, che ci racconta il dietro le quinte.

L’estate scorsa, precisamente a Luglio 2016, fui contattata dalla dott.ssa Muscianese dell’Agenzia Laore, la quale mi propose di partecipare come giurata, in rappresentanza dell’Associazione Nazionale Donne del Vino, all’imminente Concorso Mondiale dei Grenaches du Monde, che si sarebbe svolto ad Alghero nel Febbraio 2017. Accettai con grande entusiasmo, in quanto la ritenevo un’occasione per confrontarmi con altri colleghi e mettermi alla prova. Da molti anni, infatti, frequento seminari e corsi di aggiornamento specifici, corsi di tecnica di degustazione e riconoscimento sensoriale dei difetti dei vini.

Concorso enologico mondiale Grenaches du Monde

Concorso enologico mondiale Grenaches du Monde

Da questo momento decido che non mi sarei fatta trovare impreparata a questo appuntamento così importante e che, come immaginavo, avrebbe radunato il Gotha dei degustatori di buona parte del mondo, né tantomeno avrei voluto deludere chi, proprio ora, mi stava dando fiducia.

Faccio un programma ben preciso che prevedeva lo studio accurato dell’elenco dei vini e delle aziende che avevano già partecipato alle precedenti edizioni: e già qui ho scoperto cose impensabili prima, dove effettivamente si trova questo vitigno, sicuramente il più diffuso ed il più coltivato in tutto il mondo.

M’informo circa la lingua e la scheda di valutazione adottate durante il concorso, chiedo se qualcun altro della mia Regione ha già partecipato o è previsto per questa edizione. Non mi resta che mettermi a ripassare il glossario in maniera adeguata, quelli che sono i termini propri della scheda utilizzata dall’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin (O.I.V.) e scopro che, nel frattempo, la stessa è stata rinnovata e cambiata rispetto a quella obsoleta con la quale ero stata abituata a lavorare non più tardi di un ultimo concorso Regionale cui avevo partecipato e che la utilizzava ancora. Tuttavia c’è da dire che i parametri si equivalevano, c’era solamente da fare l’occhio per abituarsi ad utilizzarla con rapidità e precisione.

Nel frattempo ho la anche fortuna d’incontrare un enologo italiano, Maitre de Chai in Francia, al quale comunico questa mia imminente opportunità e, senza un attimo di esitazione mi comunica che i Grenaches, a suo pensiero migliori che conosce, sono spagnoli e li ritrovo puntuali nell’elenco dei vincitori della precedente edizione 2016.  Scopro che anche l’Italia è molto ben rappresentata in elenco ed in graduatoria, mi colpisce positivamente il buon numero di cantine sociali presenti.

I miei approfondimenti procedono regolarmente e, nel frattempo, febbraio arriva veloce e con lui il giorno della partenza.

Clicca qui per leggere la seconda parte del racconto…

Scroll