Le Associate/Personaggi

Agorà in Chianti per le Donne del Vino

7 Apr 2017
Agorà in Chianti per le Donne del Vino

Le Donne del Vino toscane valorizzano i vitigni complementari e autoctoni  Tavola rotonda,  martedì 11 aprile  ore 12, spazio Consorzio Chianti, Pad 9
La Vitis vinifera ha un’elevata variabilità varietale; è altissimo il numero di vitigni coltivati nel mondo, alcuni di questi sono stati selezionati per vegetare al meglio nelle condizioni climatiche e pedologiche specifiche delle determinate regioni dove sono coltivati e sono definiti autoctoni. Hanno una lunga storia vitivinicola, custode del patrimonio culturale di un territorio. L’erosione genetica, la necessità di semplificare e omologare i vini verso caratteristiche “contemporanee”, il voler prendere le distanze da pratiche e vitigni tradizionali stanno escludendo, con conseguente perdita, numerosi vitigni autoctoni.
La forte presenza delle donne nel mondo vitivinicolo, fa ipotizzare che la loro naturale tendenza a conservare, custodire, salvaguardare la biodiversità, possa renderle interpreti attive di un sistema agricolo che guardi al futuro coniugando passato e creatività.

Cinque Donne del Vino che allevano vitigni autoctoni minori  della Toscana si raccontano nello stpazio del Consorzio Chianti durante Vinitaly

Programma della TAVOLA ROTONDA

ore 12,00 saluti delle autorità:
Assessore all’Agricoltura – Marco Remaschi
Presidente Consorzio Chianti – Giovanni Busi
Presidente Donne del Vino – Donatella Cinelli Colombini

ore 12,15 presentazione tavola rotonda Antonella D’Isanto Delegata DDV Regione Toscana
ore 12,20 Luigi Pizzolato Vice Presidente Ais Toscana: vitigni autoctoni complementari tra tradizione e
innovazione
ore 12,30 Le Donne del Vino  – delegazione Toscana –  raccontano la loro esperienza
 Patrizia Chiari, Tenuta L’Impostino – Vitigno Pugnitello
 Beatrice Contini Bonacossi, Tenuta di Capezzana – Vitigno San Colombano
 Antonella D’Isanto, I Balzini – Vitigno Mammolo
 Maria Giulia Frova, Tenuta Il Corno – Vitigno Colorino
 Emanuela Stucchi Prinetti, Badia a Coltibuono – Vitigno Malvasia Nera
ore 12,55 conclusioni Assessore Marco Remaschi

Brindisi con vin santo del Chianti o bollicine del Chianti.

Vitigni-autoctoni-complementari-del-Chianti-Vinitaly-Donne-de-Vino-Toscane

Vitigni-autoctoni-complementari-del-Chianti-Vinitaly-Donne-de-Vino-Toscane

Scroll